Come tutti possiamo cambiare la narrativa sulla violenza contro le donne

A cura di Relations Australia

Le donne nel corso della storia sono state spesso accusate di sedurre gli uomini. Chiediamo perché, al giorno d'oggi, sentiamo ancora che le donne "lo chiedono"?

Troppo spesso i nostri feed di notizie sono dominati da storie di abusi o violenze contro le donne. Successivamente, quasi senza fallo, ci sarà una discussione pubblica su come le donne debbano tenersi al sicuro, pur riconoscendo quanto sia ingiusto che le donne debbano essere così vigili riguardo al loro benessere.

In queste conversazioni, sia le donne che gli uomini possono essere fin troppo pronti a dividere la responsabilità tra vittima e carnefice. Questo è guidato dalla difficoltà di sapere come fermare gli uomini che sono violenti. Può essere più facile "sorvegliare" il comportamento delle vittime, creando un'illusione di controllo, anche se non ha una reale incidenza sui crimini commessi.

Il mito del 'vestito rivelatore'

Ogni moda ha portato con sé la possibilità che le donne usino le loro astuzie femminili per attirare l'attenzione e, di conseguenza, possano "meritarsi ciò che ottengono". Mentre nel diciannovesimo secolo questo poteva essere un'esibizione seducente di una caviglia o di un gomito, oggi potrebbe essere indossare un crop top in un club.
Ancora più preoccupante è l'idea che le donne stiano usando di proposito la loro sessualità per "abbattere un brav'uomo", in termini di carriera e posizione sociale. Questa narrazione è più preoccupante quando è combinata con l'idea che gli impulsi sessuali degli uomini possano essere travolgenti o fuori dal loro controllo.

L'abbigliamento di qualcuno non è un'etichetta o un invito

Ancora oggi sentiamo dire che le donne "lo chiedono" e "gli uomini non possono farne a meno" o "gli uomini sono confusi". Questa narrazione è usata anche da donne contro altre donne, oltre ad essere usata come giustificazione da uomini che continuano ad aggredire o molestare sessualmente le donne.

Alcuni fatti sono importanti qui:

  • La maggior parte delle aggressioni sessuali e degli episodi di violenza domestica lo sono perpetrato da una persona nota alla vittima
  • La maggior parte delle aggressioni sessuali lo sono non sessualmente motivato. Il dominio e il potere guidano l'assalto, non il desiderio
    La violenza sessuale è resa possibile dalla disumanizzazione e dall'oggettivazione, non per seduzione e desiderio
  • L'aggressione sessuale può avvenire per tutta la vita di una persona e indipendentemente dall'aspetto o dall'abbigliamento. Prossimità, vulnerabilità e opportunità sono fattori molto più probabili

L'abbigliamento non ha nulla a che fare con l'aggressione sessuale e le donne possono sentirsi forti, orgogliose e autorizzate attraverso le loro scelte di abbigliamento. Non dovrebbero essere trattati come se avessero la scritta "probabile vittima" a seconda del loro abbigliamento.

Il "consenso entusiasta" è essenziale 

Il documentario SBS Chiedendolo esplora le complesse questioni del consenso e delle relazioni sessuali. La serie approfondisce questa conversazione sfumata e spesso irta, ponendo l'accento sulla necessità di "consenso entusiasta" quando si tratta di sesso sicuro e piacevole.

Il consenso entusiastico comporta l'espressione attiva e ripetuta del tuo entusiastico consenso a essere intimo. Mentre il consenso è necessario quando ci si impegna in qualsiasi forma di intimità, il consenso entusiasta dovrebbe sempre essere l'obiettivo.

Nella serie, la giornalista Jess Hill esplora come l'introduzione del consenso entusiastico nel mainstream, così come nei programmi scolastici, possa essere una delle soluzioni per trasformare la nostra cultura dello stupro in una cultura del consenso.

Il consenso è un modo importante per dimostrare rispetto e fornire chiarezza in ogni incontro sessuale, e non c'è zona grigia quando si tratta di consenso affermativo. Ponendo l'accento sul consenso entusiasta, diventa più difficile respingere le accuse di violenza sessuale come "richiesta". Se non è un sì entusiasta, allora è un no, non importa cosa indossi una donna.

Come la società può cambiare la narrativa del "lo stava chiedendo"

È facile rifuggire da opinioni fuorvianti sull'ubriachezza, su cosa indossavano le vittime, sulla falsa idea che "i ragazzi saranno ragazzi" e così via. Tuttavia, come genitori, membri della famiglia, insegnanti e amici, possiamo - e dovremmo - discutere e influenzare la coscienza collettiva su argomenti difficili come l'abuso sessuale, le molestie e la violenza.

Questo sarà il modo in cui, come comunità, potremo andare avanti. Mettere a tacere le persone alimenta solo il risentimento e spinge l'odio sottoterra, che è probabile che poi si manifesti in luoghi improbabili.

Come avere conversazioni difficili su aggressioni e violenze contro le donne

Ecco alcune opzioni per navigare in queste conversazioni impegnative.

Parlare con gli altri

  • Appoggiati. Sebbene alcuni punti di vista possano essere opposti ai tuoi, essere curiosi e porre domande può aprire discussioni reciprocamente vantaggiose.
  • Fare domande. Il punto di vista sgradevole o antipatico di una persona potrebbe nascondere paure e preoccupazioni che possono essere discusse.
  • Possediamo le nostre storie. Le nostre opinioni sono modellate dalle nostre esperienze di abuso e sofferenza, o dalla loro mancanza. Chiedere in modo sensibile esperienze significative o persone che hanno plasmato il loro pensiero può creare conversazioni aperte e portare a nuove comprensioni.
  • Siediti con il disagio. Questo è materiale scomodo. Il desiderio che "se ne vada" può portare a suggerimenti come "smettila di bere" o "copriti", come se questo risolvesse il problema. Alcune persone sono semplicemente troppo spaventate e sopraffatte per fare qualsiasi cosa.
  • Ricorda che la maggior parte delle donne e alcuni uomini avranno le proprie storie di aggressione. Questo non è qualcosa che accade agli estranei, ma è probabile che sia successo a qualcuno che conosci. Prenditi cura di ciò che dici e con chi stai parlando.

Il tuo dialogo interiore

Potresti essere perplesso e risentito per ciò che viene discusso. Alcuni modi per cambiare la tua mentalità includono:

  • Pratica l'autocoscienza. Su cosa si basano le tue reazioni istintive? Se proprio non riesci a capire, hai la curiosità di scoprirlo?
  • Abbi compassione – per te stesso e per gli altri. Se pensi e desideri il meglio per te stesso e per gli altri, la conversazione di solito scorrerà meglio.
  • Gestisci l'ignoranza. Va bene non sapere. Piuttosto che dire la cosa sbagliata o offensiva, è meglio dire "Sto ancora ascoltando, digerendo e cercando di dare un senso a tutto", piuttosto che essere chiamato a dichiarare la tua posizione, solo per scoprire che ci hai messo piede.
  • Allungati. Leggi ampiamente. Spingiti a intrattenere prospettive diverse, anche se non sei d'accordo.
  • Sii responsabile. Se sei arrivato a capire o hai sempre saputo che il tuo comportamento passato non era accettabile, allora ora è il momento di guardare a questo frontalmente e prendere alcune decisioni su cosa fare dopo, se questo potrebbe cambiare il tuo comportamento futuro, cercare aiutare, chiedere scusa o ammettere un crimine.

Conversazioni difficili e conflitti di negoziazione fanno parte di qualsiasi relazione che valga la pena avere, ma devono essere navigati con attenzione. Tutti noi abbiamo un ruolo importante nell'influenzare il modo in cui avanziamo collettivamente, facendo sentire la nostra voce e agendo all'interno delle nostre famiglie e dei nostri gruppi sociali.

Possiamo farlo parlando con i nostri figli di ciò che sta accadendo ed essendo aperti alle loro opinioni ed esperienze. Possiamo introdurli a prospettive alternative. Possiamo impegnarci positivamente nelle nostre scuole, luoghi di lavoro e comunità.

Detto questo, l'entità del cambiamento richiesto può ancora sembrare schiacciante. Ma dobbiamo gestire i sentimenti di impotenza, poiché troppo facilmente possono trasformarsi in rabbia e intolleranza. Prendersi del tempo e mantenersi calmi, gentili e pronti per un'azione costruttiva è la chiave.

Relationships Australia NSW offre specialisti Servizi di consulenza sulla violenza domestica per coloro che hanno subito violenze sessuali o violenze domestiche.

Connettiti con noi

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le ultime notizie e contenuti.

Supportare il benessere della tua relazione

Scopri le ultime novità dal nostro Knowledge Hub.

How to Use ‘I’ Statements Instead of ‘You’ Statements During Difficult Conversations

video.Individui.Comunicazione

Come usare affermazioni in "io" invece di affermazioni in "tu" durante conversazioni difficili

Una buona comunicazione è la base per un buon rapporto. Le parole che condividi contano davvero. Ma come condividi...

How to Combat Imposter Syndrome and Self-Doubt

video.Individui.Lavoro + denaro

Come combattere la sindrome dell'impostore e l'insicurezza

Spiegazione della sindrome dell'impostore e soluzioni semplici per aiutare a combattere i sentimenti di insicurezza sul lavoro.

6 Questions to Ask Yourself if You’re Struggling to Nail That Work-Life Balance

Articolo.Individui.Lavoro + denaro

6 domande da porsi se stai lottando per raggiungere quell'equilibrio tra lavoro e vita privata

Il lavoro era considerato il luogo in cui avresti guadagnato denaro, mentre la casa era il luogo in cui avresti costruito la tua famiglia...

Iscriviti alla nostra newsletter

Le relazioni Australia NSW saranno chiuse da Sabato 23 dicembre 2023 fino al Martedì 2 gennaio 2024.  

Clic qui per maggiori informazioni. 

Se sei in crisi, chiama Lifeline 13 11 14.

Le relazioni Australia NSW saranno chiuse da Sabato 23 dicembre 2023 fino al Martedì 2 gennaio 2024.  


Questa chiusura include tutti i centri locali, la sede centrale e il nostro team di assistenza clienti. Per qualsiasi richiesta durante questo periodo, inviare un'e-mail enquiries@ransw.org.au e un membro del nostro team ti contatterà non appena riapriremo.

Clic qui per maggiori informazioni. 
Se sei in crisi, chiama Lifeline al numero 13 11 14.

Salta al contenuto