6 domande da porsi se stai lottando per raggiungere quell'equilibrio tra lavoro e vita privata

A cura di Relations Australia

Un tempo il lavoro era considerato il luogo in cui guadagnavi denaro, mentre la casa era il luogo in cui costruivi la tua vita familiare, riposavi e recuperavi. Ma, poiché i confini tra lavoro e piacere diventano sempre più sfumati, separare l’uno dall’altro è più impegnativo che mai.

Nell'era del lavoro da casa e del "sempre attivo", come si riesce a raggiungere quell'inafferrabile equilibrio tra lavoro e vita privata?

Spieghiamo come valutare se hai il giusto equilibrio e cosa fare se è spento.

Che aspetto ha l'equilibrio?

L'equilibrio suona come dovrebbe essere uguale in ogni area, quando - in realtà - l'equilibrio significa cose diverse per persone diverse. Può cambiare nel tempo e può persino essere giustificato quando le cose non sono in equilibrio.

Ad esempio, all'inizio della tua carriera, le lunghe ore sono importanti per te, per acquisire esperienza e sicurezza. Se stai lottando per una promozione, prosperi con un lavoro aggiuntivo e dedicare più ore, soprattutto con un team ad alte prestazioni, può essere eccitante e divertente. Crisi sul lavoro o grandi progetti possono significare mancanza di equilibrio per brevi periodi, che possono essere gestiti.

Con i bambini piccoli potresti stringere molto strettamente le ore di lavoro per lasciare più spazio emotivo e fisico all'imprevedibilità dei doveri domestici. Questi sono modi normali e spesso concordati in cui l'equilibrio varia.

Alcune persone hanno la fortuna di amare il proprio lavoro, perseguendolo come hobby e passione. Oppure sono proprietari di un'attività in proprio e qualsiasi successo è esaltante e alimenta ancora più investimenti. Ci sono anche momenti in cui seppellirci nel lavoro è un conforto e un conforto, quando il fronte interno è impegnativo o addirittura pericoloso.

Work-life balance e la donna che lavora

L'equilibrio spesso significa qualcosa di diverso per le donne, che generalmente non possono lavorare con binari semplicistici di lavoro e casa, dove il diavolo è assolutamente nei dettagli.

I dati ci mostrano che anche quando si svolge un lavoro retribuito per orari simili, le donne svolgono più lavori domestici alla settimana rispetto agli uomini, si occupano maggiormente degli altri (bambini, genitori anziani) rispetto agli uomini, usufruiscono di gran lunga di più del congedo parentale disponibile, prestano più lavoro volontario e tuttavia guadagnano meno della loro controparte maschile.

Il tempo può sembrare diviso tra molteplici sfere, sfumate ed esigenti.

Per molte donne che lavorano, occuparsi di tutti gli ambiti della vita può significare correre più velocemente e allargare le spalle. Soddisfare le richieste di capi, partner, famiglia allargata, figli, doveri di vicinato; assumono il barometro emotivo per i propri cari, il leader del centro sociale, l'organizzatore del calendario, un paio di mani in più, il tassista e il pulitore di primavera.

Studi di conflitto di ruolo e stress di ruolo indicano che il dovere verso il posto di lavoro e i figli tendono a competere per il primo posto uguale nell'elenco delle priorità, con un partner che arriva terzo e il tempo per se stessi un povero ultimo.

Mentre l'esercizio può essere mantenuto in quanto è diventato legittimo e necessario, questo può essere il massimo quando si tratta di "tempo per me".

I fattori che modellano il nostro equilibrio tra lavoro e vita privata

Le decisioni sul nostro investimento nel lavoro avvengono in modo relazionale. Devi gestire le tue aspettative lavorative con il tuo manager e i colleghi. Devi negoziare con partner, amici e in relazione alle responsabilità di cura.

Lavorare sodo potrebbe significare che le relazioni ne risentono. I partner si sentono soli, i bambini protestano e la nostra resilienza potrebbe risentirne. La stanchezza può renderci scontrosi e il superlavoro può dare il cattivo esempio ai colleghi. Allo stesso modo, una lunga vita lavorativa potrebbe influenzare la scelta di un partner simile nello stile di lavoro e insieme prospererai.

Valutare le tue priorità quando trovi l'equilibrio

In definitiva, la cura di sé deve essere l'ultimo fattore determinante del tuo successo. Sei fisicamente e mentalmente sano e ben collegato a coloro che contano per te?

Queste sono le cose che ti permetteranno di prosperare sul lavoro e di sentire che la vita vale la pena di essere vissuta. Senza di loro, il successo lavorativo può diventare unidimensionale e privo di significato. I migliori luoghi di lavoro ti supporteranno in questo.

Come determinare se hai l'equilibrio 'giusto'

Se stai lottando per capire cosa significhi equilibrio per te, o se pensi di aver dato la priorità al lavoro rispetto ad altre aree della tua vita, poniti queste domande:

  • Ho scelto io, attivamente o passivamente, i principali investimenti del mio tempo o mi sembra che siano capitati a me?
  • Se riconosco che questi investimenti non sono l'ideale, sono tentato di seppellire quelle domande scomode e giustificare di fare più o meno lo stesso? Posso tollerare di scavare un po' più a fondo in ciò che mi motiva?
  • Le tue lunghe ore di lavoro ti aiutano a evitare le aree in cui hai meno successo o sei felice? Ad esempio, non avere l'intimità o gli amici che vorresti, non sentirti vicino ai tuoi figli o non avere altri interessi. Il lavoro può sembrare più facile da navigare rispetto ai problemi interpersonali, ma alla fine non si raccolgono gli stessi frutti a lungo termine.
  • Ci sono fattori nel tuo posto di lavoro che rendono difficile mettere in discussione il tuo orario di lavoro? È un'ipotesi o la verità?
  • La paura del cambiamento, la paura del conflitto o la paura di deludere gli altri fanno parte della tua esitazione riguardo al cambiamento? Se è così, questo ti tratterrà.
  • Ci sono ricompense nascoste nel modo in cui vivi la tua vita? Come essere altamente remunerati, ricevere riconoscimenti, premi, ammirazione, promozioni o status? Qual'è il rischio?

Come affrontare uno squilibrio nel lavoro e nella vita

La consapevolezza di sé e la responsabilità sono fondamentali per la comprensione di sé, il buon processo decisionale e il successo delle relazioni. Ci lasciamo prendere dalle aspettative degli altri, sviluppiamo abitudini e routine radicate e possiamo addestrare gli altri intorno a noi - partner, figli, amici - a seguirlo.

Ciò può significare che non mettiamo in discussione il modo migliore di vivere fino a quando non siamo sfidati a farlo. Non otteniamo la promozione o l'aumento di stipendio che ci aspettavamo, i partner se ne vanno, la salute ne risente. Allora può essere troppo tardi.

A volte può essere utile cercare il punto di vista di una terza parte, che può offrire un'opinione obiettiva e aiutarti ad articolare in quali aree della tua vita vorresti investire e dare priorità.

Se ritieni di aver bisogno di ulteriore supporto per affrontare questo squilibrio, il tuo posto di lavoro potrebbe offrire un Programma di assistenza ai dipendenti. Relationships Australia NSW offre anche una gamma di servizi di consulenza che possono supportarti con problemi legati al posto di lavoro.

Connettiti con noi

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le ultime notizie e contenuti.

Supportare il benessere della tua relazione

Scopri le ultime novità dal nostro Knowledge Hub.

Coercive Control: What It Is, and How to Recognise the Signs

Articolo.Individui.Trauma

Controllo coercitivo: cos'è e come riconoscere i segnali

Controllo coercitivo. È una forma di violenza domestica che può essere difficile da individuare – e questo è...

What Is Institutional Abuse?

Articolo.Individui.Trauma

Cos’è l’abuso istituzionale?

Gli abusi istituzionali sono stati a lungo avvolti nel segreto, ma ora c’è una comprensione molto migliore della loro prevalenza e...

What Is Chronic Loneliness and How Can We Stay Connected?

Articolo.Individui.Salute mentale

Cos’è la solitudine cronica e come possiamo rimanere in contatto?

Tutti possiamo sentirci soli di tanto in tanto, forse non sei stato invitato a quella festa in cui sei stato inondato...

Iscriviti alla nostra newsletter
Salta al contenuto